jump to greenpink.eu

Cestini di pasta sfoglia

Ho appena finito di preparare il risotto allo zafferano per quell’avventuroso di Mr Eat, che allegro continua la sua scoperta dell’Italia da mangiare, e ho ancora le mani che fremono e non vedono l’ora di preparare qualcosa di sfizioso da portare alle compagne di studio, e di merende, visto che ci aspetta un pomeriggio caldo e soleggiato da passare tristemente sopra i libri.
Proprio una gran seccatura visto che si starebbe decisamente meglio al parco, stese sull’erba a guardare il cielo e pensare al nulla cosmico. E’ per questo che ci vuole un buon motivo per interrompere le noiose ore di studio. Quindi, al forno a preparare cestini di pasta sfoglia!

Ingredienti:
1 rotolo di pasta sfoglia
1hg speck
250gr bocconcini di mozzarella

Preparazione:
Ritagliate dalla pasta sfoglia dei cerchi di circa 10cm di diametro.
Sistemate ogni cerchio all’interno di stampini per muffin e versate all’interno dei fagioli secchi in modo che la pasta sfoglia al centro non si gonfi.

Fate cuocere i cestini di pasta sfoglia per circa 10 minuti a 180°. Nel frattempo mettete a sgocciolare i bocconcini di mozzarella.

Tirate fuori dal forno i cestini di pasta sfoglia e sistemate all’interno  di ognuno un bocconcino di mozzarella avvolto in una fetta di speck.
Infornate nuovamente per altri 10/15 minuti a 180° fino a quando la mozzarella non si sarà sciolta.

Scarica la ricetta in pdf.

Tagged: , , ,

Comments: 2

  1. Mercoledì 26/03/2012 at 11:06 Reply

    Per quanto dopo un po’ sia noioso anche il cazzeggio, lo preferirei 100 a 1 allo studio, anche se in piacevole compagnia e con sfiziosa merenda. Sei di brutto in tema di primavera, sembrano dei fiorellini da mangiare…aaaahmm!! ;P Buono studio!

    • alessia 26/03/2012 at 11:39 Reply

      Ah il caro amato cazzeggio, un vero peccato che passi a trovarmi pochissime volte all’anno. E si che lo prendo per la gola, ma niente, è troppo richiesto!
      Già, con queste prime giornate primaverili chi c’ha voglia di studiare/lavorare. Prendo la bici, carico te e andiam al parco…lì sicuramente lo troviamo il dolce far nulla! :)

Rispondi a alessia Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *